FEDELTÀ DEL SUONO #302 – APRILE 2021 – A DIRE LA VERITÀ, CI SI FA UN SACCO DI NEMICI

Pubblicità

FEDELTÀ DEL SUONO #302 – APRILE 2021 – A DIRE LA VERITÀ, CI SI FA UN SACCO DI NEMICI

 

 

A dire la Verità, ci si fa un sacco di nemici

 

 

È l’animo che devi cambiare,

non il cielo sotto cui vivi.

LUCIO ANNEO SENECA

 

 

IL DITO E LA LUNA

 

C’è un sipario che s’alza c’è un sipario che cala

si consuma la corda e la tela

se per noi vecchi attori e vecchie attrici

i ricordi si fan cicatrici

Pubblicità

non è il senno di poi che ci aiuta a correggere

con il tempo ogni errore che nel tempo si fa

mentre ancora chi guarda nel silenzio allibito

già sussurra “l’artista è impazzito”

come i gatti di notte sotto stelle sbiadite

crede forse di aver sette vite

quando invece col dito indicare la luna

vuole dir non averne nessuna

 

C’è una sedia da sempre nella fila davanti

riservata per noi commedianti

perché mai la fortuna ch’è distratta e furtiva

ha avvertito la sera che arriva

nella cinta se mai altri buchi da stringere

e allargare un sorriso se è così che si fa

con la luce che scende col sipario che cala

si consuma la corda e la tela

si divide d’un tratto da chi ha solo assistito

chi indicava la luna col dito

e ogni volta lo sciocco che di vite ne ha una

guarda il dito e non guarda la luna.

 

ALBUM: Il dito e la luna

ARTISTA: Angelo Branduardi

AUTORI: Giorgio Faletti – Angelo Branduardi

ANNO: 1998

 

 

Non posso non aprire queste mie due pagine mensili dedicano un ricordo, più di un ricordo, a Enrico Vaime, grande uomo di Cultura e di spettacolo, Autore di teatro e di TV, grande Uomo della Parola (l’uso delle maiuscole è voluto N.d.R.) che ci ha recentemente lasciato.

Io ho avuto la fortuna di conoscerlo e di lavorarci insieme (parolone gigantesco… da uno come il sottoscritto che crede di fare del “pettegolezzo praticato professionalmente”) e credo che se fosse qui avrebbe chiosato questo mio breve ricordo con “sento che me ne sto andando”, frase che ripeteva spesso quando non ne poteva più di una riunione o di un incontro che tendeva al tedioso…

Era un Uomo Libero e viveva la sua libertà con ironia e leggerezza…

 

Ma nel ricordare Enrico Vaime mi viene spontaneo affiancare un altro grande autore, scrittore, cantante e attore come Giorgio Faletti che ha firmato insieme ad Angelo Branduardi la Poesia che ha aperto questo mio editoriale, Il dito e la luna, brano che da il titolo all’omonimo album del 1998 e che ho rispolverato grazie alla segnalazione di Siebrand Agter, nostro lettore che ci ha segnalato questa nostra dimenticanza nei confronti di un grande cantante e compositore italiano.

 

Queste bellissime parole mi fanno pensare al momento drammatico che stiamo vivendo, all’angoscia che ci portiamo dentro, al senso di smarrimento che viviamo e che vivono i nostri figli nell’affrontare DA SOLI questa pandemia che non è solo sanitaria ma anche e soprattutto spirituale.

 

Mi viene allora da pensare a tutti quelli che non ce l’hanno fatta, a quelli che ancora lottano aggrappati all’ossigeno che non arriva, ai polmoni che si riempiono di liquidi e ti rendono ogni sospiro uno sforzo immane.

Ma penso anche a chi è stato dimenticato da questa pandemia, agli anziani sempre più isolati, ai “codici 048” che si sono visti mettere da parte nel loro sforzo di vincere una malattia che, prima di questo coronavirus, ERA LA MALATTIA DA COMBATTERE E SCONFIGGERE.

Non posso non pensare ai danni e alla devastazione psicologica che questo prolungato isolamento affettivo e fisico sta portando a tutti noi.

 

Come ne usciremo?

Meglio di prima? NON CREDO ASSOLUTAMENTE.

Io stesso mi accorgo che sono diventato più duro, più intollerante, più severo con me stesso e con gli altri…

Come potremo riprenderci la Vita che abbiamo lasciato un anno fa?

 

Non lo so, non credo ce la riprenderemo mai.

Credo che quando tutto questo sarà finito, tutti noi saremo DIVERSI, cambiati, induriti, più soli e tristi…

 

Citando sempre Enrico Vaime, potrei dire che “Ho perso la pazienza. L’ho ritrovata quando ormai non mi serviva più”.

 

Vai Enrico e che la terra ti sia lieve come la tua ironia.

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a:

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

 

 

PS

Vorrei ringraziare pubblicamente un nostro lettore, Riccardo Boscarino, che, credo, non ci leggerà ma che ha contribuito, forse suo malgrado, a stimolare un dibattito interno e non solo molto alto.

Immagino che forse neanche lui avrebbe immaginato che TUTTI NOI e anche MOLTI DI VOI lo citassero in questo numero… ma tant’è!

Alle volte bisogna avere il coraggio di essere sé stessi e di dire le cose che si pensano e che si sentono… meglio un PARTIGIANO (uno che PRENDE PARTE alle cose) che un INDIFFERENTE.

E voi lo sapete che… IO ODIO GLI INDIFFERENTI!

 

 

—————————————-

 

 

EDITORIALE

A dire la Verità, ci si fa un sacco di nemici

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

The White Stripes

“SPAGHETTI A DETROIT”

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

di Andrea Bassanelli

 

ADVENTURES IN HI-FI

di Umberto Nicolao

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

Audiophile Switch

SOTM SNH-10G

Bit a Bit

di Roberto Pezzanera

 

Preamplificatore

Advance Acoustic XP-500

Pre…giudizio vade retro

di Roberto Pezzanera

 

Giradischi a trazione a cinghia

Pro-Ject X1

Ortodossia analogica

di Gabriele Brilli

 

Amplificatori finali mono

Carot One Doppio Rum 70

Il dual monoblock più piccolo che c’è

di Marco Bicelli

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END

Diffusori Full Tower

Atomica Audio Floor

Design e suono ad alti livelli

di Alberto Guerrini

 

Convertitore digitale analogico integrato con pre

B.Audio B.DPR One

Il colpo di teatro

di Alberto Guerrini

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione

e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

Disco del mese di Mauro Bragagna

Jazz dischi di Francesco Peluso

Rock e i suoi fratelli audiofili

di Mauro Bragagna

Rose Flight Case di Mara Morbin

Moby – Play

Deus Ex Audio di Paolo Lippe

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

Pubblicità

Andrea Bassanelli

Sono Andrea Bassanelli, giornalista specializzato nel settore tecnologico e della comunicazione da più di trent'anni e da dieci anni editore nel settore HIFI, DIY, HITECH, MOTO, AUTO, CINEMA, ANNUNCI ECONOMICI, CUCINA, PESCA, FUNGHI e qualcos'altro ancora a venire... Ho iniziato a lavorare come giornalista nel lontano 1983, scrivendo per molti gruppi editoriali prestigiosi come IL SOLE 24 ORE, MONDADORI, RIZZOLI CORRIERE DELLA SERA, GRUPPO EDITORIALE SUONO, solo per citarne alcuni. Mi occupo di informatica, tecnologia, hi-fi, internet, comunicazione con grande attenzione a tutto il variegato mondo del web. Ho fondato e diretto diverse aziende e collaborato come consulente con decine di società, sia in Italia che all'estero.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: