Ampia scelta tra le depotenziate Suzuki

Pubblicità

Le direttive europee in vigore da quest’anno, hanno portato il limite di potenza massima, per i possessori di patente A2, a 35 kW. Un limite che estende ulteriormente la prospettiva di guidare una vera moto.

suzuki_gsr750Si tratta di una prospettiva importante, perché proprio in questo periodo dell’anno, gli studenti intensificano gli sforzi per i risultati scolastici. Il premio, al superamento dell’esame di maturità, potrebbe essere una moto, magari la prima Suzuki. Ma anche chi lavora, potrebbe regalarsi la prima moto.

Inoltre, quella che è appena iniziata, è sicuramente la stagione migliore per godere delle due ruote, con la possibilità di sfruttare la moto anche per le vacanze estive.

A questo punto, non rimane che capire quale scegliere, tra i diversi modelli depotenziati disponibili nella gamma Suzuki.

Potrebbe essere una custom, come le Intruder M800 o C800, entrambe depotenziabili a 35 kW. Oppure una Naked bicilindrica, facile da guidare e accessibile a tutti, come la Gladius 650, depotenziabile a 35 kW e disponibile anche con ABS, per una maggiore sicurezza.

Se invece la vostra vocazione è quella di viaggiare, la V-Strom 650 con ABS di serie, è pronta per voi, depotenziabile a 35 kW.

Per chi invece non vuole rinunciare al piacere di guidare una vera purosangue, che monta un 4 cilindri in linea direttamente derivato dalla sportivissima GSX-R750, la GSR750 è la scelta obbligata! Disponibile anche in versione ABS e depotenziabile a 25 kW.

Altrimenti, perché non cedere al fascino di una vera race replica come la GSX-R600, disponibile in versione depotenziabile a 25kW?

Risolvere l’enigma è possibile, anche con l’aiuto del Concessionario ufficiale Suzuki più vicino, in grado di fornirvi un significativo supporto grazie all’esperienza acquisita negli anni.

Perché la prima moto…non si scorda mai.

Pubblicità

Pubblicità

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.