SMOKE – PAROLE SENZA FILTRO il primo disco di Vincenzo Costantino Cinaski

Pubblicità

Con la partecipazione straordinaria di FRANCESCO ARCURI, VINICIO CAPOSSELA, SIMONE CRISTICCHI, MICHELE DI TORO, RAFFAELE KHOELER, FOLCO ORSELLI, EDDA, ALESSANDRO “ASSO “ STEFANA. 

E’ uscito, su etichetta Gibilterra, SMOKE – PAROLE SENZA FILTRO, il primo album di poesia-canzone di VINCENZO COSTANTINO CINASKI, il poeta già al fianco di Vinicio Capossela nei reading dedicati a John Fante e poi suo sparring partner nella stesura del libro uscito nel maggio 2009 e intitolato IN CLANDESTINITA’ (Feltrinelli).

Dopo aver pubblicato nel 2011 la sua prima raccolta di poesie CHI E’ SENZA PECCATO NON HA UN CAZZO DA RACCONTARE (ed. Marcos Y Marcos), e dopo averla presentata in giro per l’Italia con una serie di reading, il poeta bardo – come ama definirsi – ne ha fatta un’altra delle sue: prima dell’estate si è chiuso in studio di registrazione per qualche giorno insieme al fido FRANCESCO ARCURI (La Fonomeccanica, Vinicio Capossela) e ha coinvolto qualche amico illustre nelle registrazioni del suo primo album di poesie e canzoni.

Intitolato SMOKE – PAROLE SENZA FILTRO (un omaggio al film di Wayne Wang con Harvey Keitel) l’album è stato registrato da TAKETO GOHARA e vede tra i solchi la partecipazione di EDDA, FOLCO ORSELLI, MICHELE DI TORO, RAFFAELE KOHELER, SIMONE CRISTICCHI, VINICIO CAPOSSELA. Tra i brani, oltre alle versioni in musica di alcune poesie già popolari di Cinaski (“Le cento città”, “Niente è grande come le piccole cose”, “Il terzo uomo”, “E’ bellissimo”) anche una canzone vera e propria, intitolata “Il re del bar”, una cover illustre come “Il poeta” di Bruno Lauzi e due brevi omaggi a “Where have all the flowers gone?” di Pete Seeger e “Bird on a wire” di Leonard Cohen.

“L’idea di fare un disco – racconta Cinaski – non mi aveva mai sfiorato neanche lontanamente, a me piace scrivere. Quando poi ho visto il mondo della musica e della televisione migrare verso la carta stampata l’ho considerata come un’invasione di campo e mi è venuta voglia di rispondere con un invasione a mia volta, anche se la musica nelle mie letture e performance c’è sempre stata e ha giocato sempre il ruolo di coprotagonista. Nasce così l’idea di raccogliere scritti, inediti e pubblicati, in una stessa confezione ,ma vestiti a nuovo, in forma di canzone-storia o di canto- poetico come a continuare la tradizione che amo di più, quella dei trovieri / trovatori. E’ partito tutto come un’idea di provocazione, che ha provocato entusiasmo in me e in chi ha ascoltato il disco, sembra contagioso ma per fortuna viviamo ancora di libere scelte.”

Pubblicità

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.