COSTRUIRE HIFI #298 – MAGGIO 2024 – TEMPO…

COSTRUIRE HIFI #298 – MAGGIO 2024 – TEMPO…

 

 

Tempo…

 

 

Mi considerano pazzo perché non voglio vendere i miei giorni in cambio di oro.

E io li giudico pazzi perché pensano che i miei giorni abbiano un prezzo.

KHALIL GIBRAN

 

 

Continuiamo a parlare di tempo… il tempo che passa, il tempo che scandisce le nostre Vite, il tempo che ci regala attimi di gioia o di tristezza, il tempo che regola la Musica che ci accompagna quotidianamente…

 

Il tempo è la misura di ogni cosa che ci circonda.

 

Senza il giusto TEMPO la musica non esisterebbe, non come noi la pensiamo e la apprezziamo da millenni.

Pitagora fu il primo a dare un senso matematico alla musica, alla vibrazione che si generava dal pizzicare una corda tesa di una certa dimensione. Scoprendo poi che dimezzando la lunghezza della corda e pizzicando ancora la stessa corda, il suono ottenuto era si un nuovo suono ma armonicamente legato al precedente… scoprì quello che noi oggi definiamo intervallo di ottava. Non contento continuò a giocare con quel monocordo, dividendolo per tre e poi per quattro… non sto qui a descrivervi che cosa scoprì perché lo sappiamo tutti! Quel giorno nacque la MUSICA, intesa come insieme di note in rapporto armonico le une con le altre… 1, 2, 3, 4… ottava, quinta e quarta… la scala diatonica che, ancora oggi dopo quasi tremila anni, noi utilizziamo.

Eppure queste note, queste frequenze, non ci regalerebbero la musica per come noi la conosciamo senza un’altra variabile fondamentale: il TEMPO!

Senza il tempo a legare una nota con l’altra, oggi non avremmo il rock, la musica classica, il blues, il tango e ogni altra forma di musica che possiamo immaginare.

 

Perché parlo ancora di tempo?

 

Forse perché avendo da poco compiuto 59 anni, mi accorgo che il tempo che deve venire è sempre meno di quello che è già trascorso. Forse perché, leggendo I DECALOGHI di Lorenzo Zen di questo mese, mi accorgo di come, alle volte, non basta tutto il tempo del mondo per cercare di far capire cose a chi NON VUOLE CAPIRLE.

Lorenzo continua da TEMPO a scrivere di MUSICA, di SUONO, di come questo sia la PERCEZIONE di un evento e non già l’evento stesso e che quindi, in quanto tale, è ASSOLUTAMENTE SOGGETTIVO.

Il SUONO dipende dall’ascoltatore, da chi ha il TEMPO e il MODO di ascoltare quel SUONO che altrimenti andrebbe “perso nel tempo, come lacrime nella pioggia” come dice Roy Batty (interpretato da un magistrale Rutger Hauer in Blade Runner).

In quel film i replicanti, macchine senzienti ma pur sempre macchine (come l’IA di cui sempre Lorenzo Zen parla questo mese) riuscivano a comprendere ciò che noi umani andavamo perdendo, stiamo perdendo: il senso del TEMPO che scorre, l’importanza del TEMPO, di ogni MOMENTO, di quel TEMPO che non può essere perduto perché non ritornerà mai più…

 

E allora, sempre leggendo ciò che continua a dirci Lorenzo, vox clamntis in deserto, mi viene da pensare che la stupidità umana alle volte è veramente infinita.

Che è assolutamente vero che non esiste peggior sordo di chi non vuol sentire (in questo caso mai proverbio è più calzante!) e che forse ha pienamente ragione un comico italiano, purtroppo poco apprezzato, Daniele Luttazzi, quando sentenzia: “Davvero una vita non basta: così poco tempo e così tanti coglioni da mandare a…”!

A buon intenditore, poche parole.

 

Scrivetemi cosa ne pensate, come sempre in piena libertà…

 

Vi invitiamo a SOSTENERCI sottoscrivendo l’abbonamento a COSTRUIRE HIFI (al costo di 85,00 €) oppure a rivolgervi, come avete sempre fatto, al VOSTRO EDICOLANTE DI FIDUCIA che continuerà a fornirvi la VOSTRA COPIA DELLA RIVISTA! Se non dovesse più averla o se non l’avesse ricevuta, potete chiedere al VOSTRO EDICOLANTE di farsela rimandare oppure POTETE SCRIVERE A:

abbonamenti@blupress.it o TELEFONARE allo 0744.433.606, chiedendo di acquistare la copia di questo numero, ma prima dell’uscita del numero successivo, allo STESSO PREZZO DI COPERTINA, SPESE DI INVIO COMPRESE.

Un abbraccio a tutti voi e INVIATEMI le VOSTRE LETTERE scrivendo a:

andrea.bassanelli@gmail.com.

 

Buona musica e avanti tutta!

Andrea Bassanelli

 

 


 

 

EDITORIALE

Tempo…

di Andrea Bassanelli

 

Lettere al Direttore

 

COVER STORY

Metis, non il solito due vie

di Daniele Celeghin

 

TEORIA

L’amplificatore modulare AM-MP [#23]

I segreti dello stadio finale (#06)

La scelta e selezione dei transistor finali

di Pierluigi Marzullo

 

PRATICA

K7, chi era costui? (2ª parte)

di Andrea Damiani

 

SPECIALE

ARDUINO

Dal concetto all’implementazione.

Facile guida alla creazione di progetti elettronici innovativi (6ª parte)

di Fabio Barberini

 

CLUB DEI LETTORI

 

Lascia un commento Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.