FEDELTÀ DEL SUONO #314 – APRILE 2022 – DIETRO LA COLLINA NON C’È PIÙ NESSUNO…

ADV

FEDELTÀ DEL SUONO #314 – APRILE 2022 – DIETRO LA COLLINA NON C’È PIÙ NESSUNO…

 

 

Dietro la collina non c’è più nessuno…

 

 

La vita ha 4 sensi: amare, soffrire, lottare e vincere.

Chi ama soffre, chi soffre lotta, chi lotta vince.

Ama molto, soffri poco, lotta tanto, vinci sempre.

ORIANA FALLACI

 

 

GENERALE

 

[Strofa 1]

Generale

Dietro la collina

ADV

Ci sta la notte crucca e assassina

E in mezzo al prato c’è una contadina

Curva sul tramonto sembra una bambina

Di cinquant’anni e di cinque figli

Venuti al mondo come conigli

Partiti al mondo come soldati

E non ancora tornati

 

[Strofa 2]

Generale

Dietro la stazione

Lo vedi il treno che portava al sole

Non fa più fermate neanche per pisciare

Si va dritti a casa senza più pensare

Che la guerra è bella anche se fa male

Che torneremo ancora a cantare

E a farci fare l’amore, l’amore dalle infermiere

 

[Strofa 3]

Generale

La guerra è finita

Il nemico è scappato, è vinto, è battuto

Dietro la collina non c’è più nessuno

Solo aghi di pino e silenzio e funghi

Buoni da mangiare, buoni da seccare

Da farci il sugo quando viene Natale

Quando i bambini piangono

E a dormire non ci vogliono andare

 

[Strofa 4]

Generale

Queste cinque stelle

Queste cinque lacrime sulla mia pelle

Che senso hanno

Dentro al rumore di questo treno

Che è mezzo vuoto e mezzo pieno

E va veloce verso il ritorno

Tra due minuti è quasi giorno

È quasi casa, è quasi amore

 

ALBUM: De Gregori

ARTISTA: Francesco De Gregori

SCRITTA DA: Francesco De Gregori

ANNO: 1978

 

Lunedì 4 aprile 2022…
Sono passati 39 giorni dall’inizio di questa insensata guerra tra Russia e Ucraina e questo numero, TRENTANOVE, riecheggia in me e in tutti noi un senso di profonda PAURA visto il precedente dell’inizio della seconda guerra mondiale…

Oggi come allora ci troviamo di fronte ad un conflitto locale, portato avanti da un uomo come Putin che si è dimostrato SENZA SCRUPOLI. Non mi sento di definirlo PAZZO, come fanno molti, perché nella sua DISUMANITA’ è invece perfettamente lucido.

Eppure, come perfettamente espresso da Maurizio Crozza nel suo monologo del 12 marzo u.s. su Fratelli di Crozza che potete vedere online (www.youtube.com/watch?v=94Kl2rbl6A4), non mi sento più tranquillo a pensare che da quest’altra parte ci siano dei CAMPIONI DI UMANITA’.

Io, l’ho detto e l’ho ridetto, sono grato all’America per quello che ha fatto nella seconda guerra mondiale. Se noi oggi siamo una nazione libera e democratica lo dobbiamo anche al sacrificio dei tanti soldati americani che sono morti per sconfiggere i tedeschi… ma, come dice giustamente Crozza, “sono passati ottant’anni, quando minchia scade questa cambiale”!

In molti mi avete scritto e come al solito vi siete divisi tra chi era PRO e chi CONTRO di me.

Ci sta, questi miei editoriali vorrebbero stimolare un dibattito su temi che sono di attualità e che ci riguardano tutti da vicino… specialmente perché mi piacerebbe che attorno a certi argomenti, si aprisse un dibattito che aiuti alla formazione di un pensiero CRITICO. Questa rivista ha l’ambizione (non è detto che ci riesca) di fare CULTURA, di stimolare il LIBERO PENSIERO, di non dividere semplicisticamente il mondo tra bianchi e neri, tra buoni e cattivi, tra analogico e digitale, tra misuroni e ascoltoni (tanto per tornare al nostro mondo!)… eppure spesso vedo che nelle vostre lettere alcuni di voi non provano neanche a fare un tentativo di ragionamento… si limitano a PRENDERE POSIZIONE.

E’ molto facile sposare un pensiero in maniera acritica… molto più difficile e complesso è raccogliere elementi, analizzare la situazione e provare a esprimere un PROPRIO PENSIERO.

In questa guerra è facile individuare il cattivo: ce lo abbiamo davanti e si chiama Putin.

PUNTO… e basta?

Come scrissi io un mese fa, ben prima che lo dicesse Crozza nel suo monologo, il mondo non è tutto BIANCO o NERO ma è fatto di sfumature che devono essere indagate e analizzate.

Guardatevi il monologo di cui vi ho postato il link e scoprirete che lo stesso Biden, che oggi ci spinge a sanzioni durissime invitandoci a chiudere i nostri acquisti di gas dalla Russia (senza curarsi che l’America si è dichiarata disposta a venderci gas e petrolio al posto della Russia non contando che quello che ci forniranno COSTERÀ DI PIÙ e non coprirà i nostri fabbisogni!), esattamente quel Biden nel 1997 diceva che l’allargamento della NATO verso la Russia avrebbe causato delle CONSEGUENZE NEGATIVE tra USA e Russia, portando la Russia ad una REAZIONE VIGOROSA E OSTILE contro l’occidente…

Insomma, era tutto facilmente prevedibile, quasi tutto già scritto, eppure nessuno ha pensato di fare nulla per evitare che la REAZIONE RUSSA arrivasse, come era stato detto dall’attuale Presidente americano…

ORA CHE FARE?

Non lo so e non so se questa NUOVA CORSA AGLI ARMAMENTI sia la risposta giusta ad una guerra locale che potrebbe diventare in un attimo GUERRA MONDIALE.

Di certo so quello che a noi costerà, in termini economici e di sviluppo.

Tutto sta aumentando… i primi ad aumentare sono stati i costi dei carburanti (il metano per autotrazione è più che raddoppiato!!!) e i costi delle bollette di luce e gas. Ma questi sono i primi aumenti di una lunga serie di rincari, che colpiranno anche noi e VOI lettori.

Tutti sapete che a gennaio di quest’anno, a seguito dei forti aumenti del gas e del petrolio, si era innescato un corrispettivo aumento dei prezzi delle materie prima (per noi la carta e le lastre in alluminio per la stampa in rotativa) che ci avevano costretti ad un aumento di 50 centesimi del prezzo di copertina.

Il 23 marzo (esattamente una settimana fa… N.d.R.) il nostro fornitore di carta ci informa che il prezzo della carta è nuovamente aumentato… o meglio impennato, visto che parliamo di una aumento di oltre il 50%!

CHE COSA FARE ALLORA?

Credetemi, le ho pensate tutte… la prima è stata quella di dire NON USCIAMO!

Per le nostre due riviste del settore hifi l’aumento inciderà per oltre 4.000 EURO AD USCITA… e quindi la prima idea è stata quella di sospendere temporaneamente la pubblicazione.

Ci siamo confrontati internamente cercando di trovare una soluzione alternativa e quella che vi sto illustrando è l’unica soluzione che abbiamo trovato:

1) diminuire leggermente la tiratura, cambiando contemporaneamente anche la distribuzione, riducendo la fornitura a quelle edicole che vendevano meno copie o che le vendevano saltuariamente;

2) garantire la fornitura della rivista a chi non dovesse trovarla in edicola allo STESSO PREZZO DI COPERTINA, SPESE DI INVIO COMPRESE!

In questo modo abbiamo ridotto l’aumento di costo di circa un terzo, sperando che le vendite non ne abbiano a risentire, ma soprattutto sperando che nessuno di voi debba rinunciare in questo modo alla VOSTRA RIVISTA.

Per questo motivo quello che vi invito a fare per acquistare FEDELTÀ DEL SUONO fintanto che la situazione indotta dalla guerra non cambierà è quello di rivolgervi, come sempre avete fatto al VOSTRO EDICOLANTE DI FIDUCIA che continuerà a fornirvi la VOSTRA COPIA COME SEMPRE! Se, per qualsiasi motivo, non dovesse più averla, potete chiedere al VOSTRO EDICOLANTE di farsela rimandare oppure POTETE SCRIVERE A:

 

abbonamenti@blupress.it

 

chiedendo di acquistare la copia di questo, o dei numeri successivi, allo STESSO PREZZO DI COPERTINA, SPESE DI INVIO COMPRESE.

Ora non ci resta che attendere e sperare che la GUERRA TERMINI ma che terminino anche queste sanzioni che non faranno altro che distruggere la nostra economia, già piegata da due anni di pandemia… e che ci renderanno TUTTI PIÙ POVERI.

 

Diciamo NO ad OGNI GUERRA, militare ed economica!

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a:

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

Andrea Bassanelli

 

 


 

 

EDITORIALE

Dietro la collina non c’è più nessuno…

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

Rolling Stones

Raccolta differenziata

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

di Andrea Bassanelli

 

ADVENTURES IN HI-FI

Fase e ritardo (2^ Parte)

di Umberto Nicolao

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

FDS TECH AWARD

  • Diffusore bookshelf
    • Wharfedale Denton 85th Anniversary
      • Il diffusore moderno dall’aspetto vintage

di Marco Bicelli

 

FDS BEST VALUE

  • Switch di rete e cavi Ethernet Hi-Fi
    • Silent Angel Bonn N16 LPS + C7050 e C7051
      • Il silenzio è d’oro

di Roberto Pezzanera

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END

FDS TOP QUALITY

  • Testina a magnete mobile
    • Nagaoka Jeweltone JT-80 BK
    • La fine arte giapponese della lavorazione del metallo

di Alberto Guerrini

 

FDS TOP QUALITY

  • Amplificatore stereo integrato
    • Roksan Attessa Integrated Amplifier
      • L’amplificatore integrato moderno dalle ottime qualità

di Marco Bicelli

 

FDS EDITOR’S CHOICE

  • Diffusori da pavimento
    • Waterfall Victoria EVO
  • La trasparenza di una scelta

di Alberto Guerrini

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione

e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

Notizie dal mondo della musica

a cura della Redazione

Disco del mese di Mauro Bragagna

Wolfgang Flür – “Magazine 1”

Jazz dischi di Francesco Peluso

Rock e i suoi fratelli audiofili

di Mauro Bragagna

Deus Ex Audio di Paolo Lippe

Il “mio” Syd Barrett

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

ADV