FEDELTÀ DEL SUONO #307 – SETTEMBRE 2021 – VASSENE ‘L TEMPO E L’UOM NON SE N’AVVEDE

ADV

FEDELTÀ DEL SUONO #307 – SETTEMBRE 2021 – VASSENE ‘L TEMPO E L’UOM NON SE N’AVVEDE

 

 

Vassene ‘l tempo e l’uom non se n’avvede

 

 

Il mio stile è rendere ciò che suono ballabile.

Non importa se è blues o altro.

Deve muoversi e rimbalzare.

CHARLIE WATTS

 

 

TEMPO

 

 

[Intro: Lizzo]

I’ve been waitin’ for this one

Turn it up

ADV

 

[Chorus: Lizzo]

Slow songs, they for skinny hoes

Can’t move all of this here to one of those

I’m a thick bitch, I need tempo (Tempo)

Fuck it up to the tempo

 

[Verse 1: Lizzo]

Pitty-pat, pitty-pat, pitty-pitty-pat (Pat)

Look at my ass, it’s fitty-fitty-fat (Fat)

Kitty cat, kitty cat, kitty-kitty cat (Cat)

Prrr me a glass, boy, I like my water wet (Wet)

Throw it back (Throw it back, threw it back)

Catch that (Catch that, catch that)

I need a jack (Woo)

For all of this ass, but it won’t go flat (Wait a minute)

Baby, baby (Baby)

Come eat some of this cakey (Cake)

He look like he could gain a little weight (A little weight)

Lick the icing off, put the rest in your face (Face)

 

[Chorus: Lizzo]

Slow songs, they for skinny hoes

Can’t move all of this here to one of those (Hey)

I’m a thick bitch, I need tempo (Need it)

Fuck it up to the tempo

Fuck it up to the tempo

Fuck it up to the tempo

Slow songs, they for skinny hoes

Fuck it up to the tempo (Tempo)

 

 

[Verse 2: Lizzo]

Fuck it up, fuck it up

Boyfriend watchin’, oh now he wanna knuckle up

Get on this ride, baby, you gon’ have to buckle up

Thick thighs save lives, call me little buttercup

All means necessary (Ayy)

My ass is not an accessorary (What?)

Yeah, I said it, accessorary (What?)

Twerk skills up on legendary

 

[Chorus: Lizzo]

Slow songs, they for skinny hoes

Can’t move all of this here to one of those (Hey)

I’m a thick bitch, I need tempo (Need it)

Fuck it up to the tempo

Fuck it up to the tempo

Fuck it up to the tempo

Slow songs, they for skinny hoes

Fuck it up to the tempo (Missy)

 

[Verse 3: Missy Elliott]

Let’s go (Let’s go), let’s go (Let’s go)

All the fly girls head to the dance floor

Kitty cat, kitty cat, prrr

All the thick girls down on the flrrr (On the floor)

Ice on my neck like brrr (Like brrr)

I’m big-boned with nice curves (Nice curves)

Look at me, I know I look grrrd (Good)

Look good, look good, look grrrd (Look good)

I’ma show y’all chicks how to drrr it

Your nigga, he wish he could

Thick girl (Thick girl), split (Split)

Get a bag (Get a bag), get rich (Get rich)

Hair done (Hair done), fixed (Fixed)

If you see a hater, tell him quit (Stop)

Get your own dough (Own dough)

Get your bread, own dough (Own dough)

Go on, ladies, head to the floor (Floor)

Fuck up the tempo, thick girls get low (Woo)

 

 

[Chorus: Lizzo]

Slow songs, they for skinny hoes

Can’t move all of this here to one of those (Hey)

I’m a thick bitch, I need tempo (Need it)

Fuck it up to the tempo

Fuck it up to the tempo

Fuck it up to the tempo

Slow songs, they for skinny hoes

Fuck it up to the tempo

 

[Outro: Lizzo]

Girl, run that shit back

 

 

ALBUM: Cuz I Love You

ARTISTA: Lizzo feat. Missy Elliott

ANNO: 2019

 

 

Non mi viene in mente altro argomento se non il TEMPO per ricordare il grandissimo batterista dei Rolling Stones, Charlie Watts, che ci ha lasciato il 24 agosto.

Pochi giorni prima di morire, Charlie aveva rilasciato una dichiarazione dove diceva che “Per una volta sono andato fuori TEMPO”, scherzando sul fatto che non avrebbe potuto partecipare al prossimo tour dei Rolling Stones per motivi di salute. Come poi sia andata a finire, beh, lo sappiamo tutti.

 

Molto si è detto in questi giorni su Charlie Watts.

Che era un batterista fenomenale… anzi no, non proprio eccezionale…

Che era un tipo strano… anzi no, forse era l’unico normale del gruppo…

Che…

 

Io non lo so chi fosse veramente ma so che dietro alla sua batteria lui era un grande, un signore, uno che il TEMPO non lo perdeva mai ma che anzi il TEMPO lo dava a tutto il gruppo.

I batteristi non sono quasi mai noti al grande pubblico (pensiamo ad esempio ad un altro grande che ci ha lasciato da poco come  Stefano D’Orazio) o per lo meno non lo sono come i cantanti o i chitarristi.

Tutti noi conosciamo Mick Jagger e Keith Richards, tutti ci ricordiamo di John Lennon e Paul McCartney, Robert Plant e Jimmy Page, Freddie Mercury e Brian May… tanto per citarne alcuni… ma pochi si ricordano dei vari Ringo Starr, John Bonham o Roger Taylor…

Charlie Watts no, lo notavi perché era DIVERSO… tanto eccentrici Mick e Keith per quanto signorile e compassato era Charlie.

D’altronde lui veniva dal Blues londinese, amava il Jazz di Chico Hamilton e di Charlie Parker, tanto che in una intervista ebbe a dire che per lui “il Blues era Charlie Parker quando suonava lentamente”. Nel 1992 lui e il suo quintetto jazz (Charlie Watts Quintet) gli dedicarono un album: “A tribute to Charlie Parker with strings”.

Probabilmente se i Rolling Stones sono durati così a lungo come band, il merito è in gran parte suo, come più volte ebbe a dire Keith in diverse interviste (“Charlie Watts hated stardom but was the glue that stuck the Rolling Stones together”).

 

E non poteva che essere così visto che, in un gruppo, il TEMPO lo dà proprio la batteria (insieme al basso…), e Charlie dava ai Rolling Stones quel TEMPO preciso e scandito che lo ha reso celebre.

 

Charlie Watts possiamo dire che ha onorato il TEMPO!

 

Eppure oggi, a parlare di TEMPO, mi viene anche da pensare alla tragedia che si sta vivendo in Afghanistan… in questo caso potremmo parlare di TEMPO PERDUTO, per i venti anni di occupazione occidentale EVAPORATI in poche ore dalla stoltezza e inadeguatezza degli Americani, o di MANCANZA DI TEMPO, pensando alle centinaia di occidentali e alle migliaia di afghani che potevano essere evacuati in sicurezza e che invece rimarranno in mano ai Talebani… sperando che nessuno debba morire come le oltre 170 vittime dell’attentato all’aeroporto di Kabul.

 

In questo caso abbiamo a che fare con una debacle politica e militare, con una catastrofe umanitaria, con l’ennesima cattiva gestione della politica estera da parte degli Americani, che dimostra come il TEMPO non sia uguale per tutti e che non tutti lo sappiano usare allo stesso modo.

Sia chiaro, io AMO l’America ma ne odio l’approssimazione in politica estera, specialmente quando questa viene gestita dai Democratici, che raramente e hanno imbroccata una! Non perché siano meno bravi dei Repubblicani ma perché, di norma, i Repubblicani si occupano in primis delle cose interne e poi, solo se avanza loro del tempo, di quelle estere… ma tant’è, la storia si ripete e chi ne paga le conseguenze sono i popoli martoriati e lasciati in balia dei propri fantasmi e, come in questo caso, Europa e NATO che devono fare i conti con una improvvisata e inadeguata fuga da Kabul…

Noi occidentali pensiamo di avere in mano la conoscenza, come se migliaia di anni di cultura orientale non fossero mai esistiti, crediamo di essere i depositari della democrazia, tanto da avere la presunzione di poterla esportare con la forza delle armi… tranne poi dovere fare i conti con la cruda realtà di popolazioni che non sanno che farsene di una democrazia esportata un tanto al chilo.

 

Un libro di Federico Rampini, del 2012, si apre con una frase tratta da un antico proverbio afgano: “Voi avete gli orologi? Noi abbiamo il TEMPO“,  proverbio che, mai come ora, appare di terribile attualità.

 

Il TEMPO quindi, come è facile notare, è stato ed è elemento fondante delle nostre vite. È quella cosa che forse noi tutti, unicamente, possediamo senza accorgercene, come ci ricorda il sommo poeta Dante, quando scrive che: “vassene ‘l tempo e l’uom non se n’avvede”.

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a:

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

Andrea Bassanelli

 

 


 

 

EDITORIALE

Vassene ‘l tempo e l’uom non se n’avvede

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

John Lennon

L’anima di John

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

di Andrea Bassanelli

 

ADVENTURES IN HI-FI

di Umberto Nicolao

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

FDS TECH AWARD

Amplificatore integrato

BC Acoustique EX-214

L’integrato tutto fare

di Gianmaria Dellai

 

FDS BEST VALUE

Cavo di alimentazione con filtro EMI

SOtM pCBL-SS8-F

Musica in purezza

di Roberto Pezzanera

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END

FDS TOP QUALITY

Lettore CD

Creek Voyage CD

La storia dell’HiFi d’oro britannica Vol. 2

di Paolo Lippe

 

FDS TOP QUALITY

Diffusori a torre

Sonus faber Lumina 3

L’eleganza si misura a pelle

di Alberto Guerrini

 

FDS EDITOR’S CHOICE

Sistema amplificatore integrato e bookshelf

Audiogram MB + Alone

La qualità italiana incastonata sul frontale

di Alberto Guerrini

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione

e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

Disco del mese di Mauro Bragagna

Bobby Gillespie and Jehnny Beth – “Utopian Ashes”

Jazz dischi di Francesco Peluso

Rock e i suoi fratelli audiofili

di Mauro Bragagna

Manuale di ascolto della musica

di Antonio Scanferlato

Deus Ex Audio di Paolo Lippe

Supertramp – Breakfast in America

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

ADV