AiCARR invia al Ministero della Salute un documento sulla possibilità di risparmio energetico nelle strutture sanitarie esistenti, con particolare riferimento agli ospedali

Sarà davvero necessario individuare nuove modalità di finanziamento per servizi e prestazioni sanitarie? AiCARR, Associazione italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento Refrigerazione scrive al Ministero della Salute, sottolineando come interventi mirati al risparmio energetico potrebbero essere di grande ausilio alla sostenibilità economica e ambientale del settore sanitario italiano.
aicarr
La sostenibilità futura del sistema sanitario nazionale è stata messa in dubbio dall’ex Premier Mario Monti il quale ha anche sottolineato la necessità di individuare nuove modalità di finanziamento per servizi e prestazioni sanitarie.

A seguito di questa dichiarazione, AiCARR ha scritto al Ministero della Salute sottolineando come sia possibile conseguire un notevole risparmio economico nel settore della sanità semplicemente effettuando interventi di miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture ospedaliere, in un’ottica di sostenibilità sia economica sia ambientale.

I suggerimenti mirati a raggiungere tale obiettivo sono contenuti nel documento “Posizione di AiCARR sulla possibilità di risparmio energetico nelle strutture sanitarie esistenti, con particolare riferimento agli ospedali”, inviato al Ministero.

Nel suo Position Paper, che prende in esame gli ambiti di pertinenza dell’Associazione, quali l’involucro edilizio e gli impianti HVAC, AiCARR evidenzia l’opportunità di intervenire nel panorama ospedaliero italiano, rappresentato prevalentemente da edifici con un’età media pari a circa 50 anni, con l’emanazione di strumenti legislativi che regolamentino i principi generali su cui basare gli interventi per il risparmio energetico, che possono essere raggruppati in tre categorie:

1)             Ridefinizione dei parametri termoigrometrici e di qualità dell’aria interna (IAQ, Indoor Air Quality) per l’accreditamento delle strutture ospedaliere. A tale proposito, AiCARR suggerisce di introdurre l’approccio prestazionale, che presuppone una preventiva analisi dei rischi dal punto di vista clinico per le varie patologie e per i vari reparti, consentendo di ottimizzare gli impianti e di evitare inutili e talvolta dannose prescrizioni, che, in mancanza di detta analisi, risultano spesso troppo cautelative.

2)             Interventi di riqualificazione energetica degli ospedali esistenti, eseguiti a regola d’arte, attraverso un’approfondita conoscenza del sistema edificio-impianto e in seguito ad analisi energetiche correttamente svolte. Accanto a interventi complessi, quale la raccolta di dati energetici sugli ospedali esistenti al fine di ottenere una definizione dei dati di benchmarking da cui ricavare indicatori di consumo efficaci, il documento suggerisce anche alcuni interventi in grado di produrre risparmi immediati, che si integrano nel ciclo di manutenzione ordinaria e straordinaria di sostituzione delle apparecchiature.

3)             Campagna di sensibilizzazione degli utenti, che siano operatori sanitari o pazienti, al fine di responsabilizzarli nelle semplici attività quotidiane che possono contribuire al risparmio energetico e portarli a considerare la “cosa comune” che è la struttura sanitaria sempre più come una “cosa propria “.

 

Per informazioni: www.aicarr.org

 

AiCARR si presenta

Nome: AiCARR – Associazione italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento, Refrigerazione
Anno di nascita: 1960
Identità: network culturale per l’uso consapevole dell’energia e delle risorse naturali e per l’innovazione delle infrastrutture energetiche
Settori di interesse: impiantistica, edilizia
Soci: 2400 circa fra progettisti, costruttori, manutentori, installatori, accademici, studenti
Attività: formazione, convegni, seminari, prodotti editoriali, partecipazione ad attività normative

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: