Gioco online: a Natale boom di smartphone e tablet sotto l’albero, volano le app per scommettere

Difficile resistere al richiamo delle app, i software sviluppati per smartphone e tablet con i quali ormai si fa praticamente tutto, dalle prenotazioni online fino al ritocco delle foto scattate con il cellulare. Un fascino a cui nessun settore merceologico può sfuggire. «Se non hai un’app non sei nessuno», si potrebbe azzardare. E a Natale, sotto l’albero, smartphone e tablet saranno tra i regali più scintillanti.

poker
Logico pensare che anche questo contribuirà alla crescita ulteriore del gioco online. La voce dell’«m-gambling» – così come vengono chiamati scommesse, poker e casinò sui dispositivi mobili – è già un forte richiamo per le aziende del settore autorizzate in Italia. Gli operatori del gioco online (che a fine 2012 potrebbe chiudere con un movimento di gioco da 15 miliardi di euro) come spiega Agipronews, hanno raccolto la nuova sfida e – secondo uno studio pubblicato dall’Osservatorio del Politecnico di Milano – sono scesi in campo in maniera decisa negli ultimi mesi, preparandosi al boom nelle vendite di smartphone e tablet previsto per le feste di Natale, il primo rush verso una crescita a lungo termine che porterà i dispositivi mobili dai 35 milioni di oggi ai 61 del 2015. Secondo i dati dello studio sono già 19 quelli che hanno attivato l’offerta anche su dispositivi mobili. Un numero che può sembrare limitato ma che, rispetto solo a febbraio – quando erano appena 9 – è cresciuto di oltre il 100%. Tra scommesse, poker, bingo e casinò games, prosegue Agipronews, le “iniziative specifiche” (termine con cui lo studio si riferisce sia alle app per giocare, ma anche agli “m-site“, i siti web ottimizzati per la navigazione da smartphone e tablet) per il gioco in mobilità rilevate a dicembre sono invece 52, con una crescita del 79% rispetto a dieci mesi fa, quando se ne contavano 29. Un balzo esponenziale che si incrocia perfettamente sia con le previsioni di crescita del settore (secondo i dati di Juniper Research l’m-gambling nel mondo ha movimentato oltre 10 miliardi di euro nel 2011 e arriverà a 36 entro il 2017) che con la crescente diffusione di smartphone e tablet nella dieta digitale degli italiani.

 

SCOMMESSE LIVE E TELEFONINO: BINOMIO PERFETTO

Le “app” sono già protagoniste assolute nell’offerta di gioco degli operatori italiani e rappresentano (con 35 diversi software a fronte di 17 “m-site”) il “core business” del gioco in mobilità. Che si sposa perfettamente con le scommesse sportive: il prodotto che offre le potenzialità più elevate, soprattutto nella versione “live”, in cui si punta su avvenimenti in corso di svolgimento. Allo stadio, al pub o sul divano mentre si guarda una partita, si scommette sul prossimo gol con un colpo di dita. Con queste caratteristiche le scommesse dal vivo rappresentano addirittura un «canale preferenziale per piazzare le puntate», tant’è, come riporta Agipronews, che secondo i dati dello studio dell’Osservatorio del Politecnico di Milano, l’offerta di scommesse “live” (con 20 prodotti pensati per telefonino e tablet) è quella più numerosa nel settore dell’m-gambling italiano. Piacciono anche i giochi con una fruizione semplice come i casinò games (a quota 11) che presto in versione mobile potrebbero sfruttare lo slancio offerto dalla recente introduzione sul mercato delle slot online. In conclusione, secondo lo studio, il mercato dell'”m-gambling” in Italia «ha indubbiamente delle potenzialità molto significative ancora inespresse». Non solo in termini di «fatturato, ma anche come un canale di supporto» per attirare e fidelizzare il giocatore: prima dell’attivazione di un conto, con il fascino che esercita l’app stessa; e dopo la registrazione, offrendo tramite il canale mobile funzionalità di assistenza e supporto tecnico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: