Riapre a Sestriere Casa Olimpia: concerti, incontri con l’autore, benessere e un omaggio a Chet Baker

Tra gli ospiti Nick the Nightfly, Marina Rei, I Moderni, Roberto Angelini, Giorgio Calabrese, Alberto Bianco, il senegalese Marius Seck, lo storico Gastone Saletnich, il giornalista Stefano Casamassima

www.casa-olimpia.it

www.salonelibro.it

«Manteniamo l’impegno per la cultura in quota a Sestriere, perché la crisi non può e non deve annullare le iniziative consolidate nel campo della cultura». Così il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta annuncia la riapertura, con la sua settima edizione, di Casa Olimpia, che inaugurerà sabato 8 dicembre alle ore 21 insieme con Rolando Picchioni, presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, e Pierumberto Ferrero, direttore artistico del cartellone.

Il programma di Casa Olimpia, lo spazio per incontri e concerti della Provincia di Torino nell’ex Casa Cantoniera di Sestriere (Strada Pinerolo, SR 23), è organizzato dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura. Tutti gli incontri sono a ingresso gratuito.

Una ventina gli appuntamenti ad alta quota: si parte sabato 8 dicembre per riprendere da mercoledì 26 a domenica 30 dicembre e da mercoledì 2 a sabato 5 gennaio 2013. In calendario presentazioni di libri e di album musicali, live di cantautori affermati e artisti emergenti, reading e appuntamenti dedicati al benessere, dalla cromoterapia allo star bene attraverso il cibo.

Tra gli ospiti: Marina Rei con il suo nuovo album (4 gennaio); I Moderni per una riflessione sul loro successo dopo X-Factor 2011 (5 gennaio); il cantautore romano Roberto Angelini appena uscito con il cd Phineas Gage (2 gennaio); il cantautore torinese Alberto Bianco con il nuovissimo Storia del futuro (2 gennaio); il nutrizionista e dietologo Giorgio Calabrese (27 dicembre); l’omaggio a Chet Baker, a venticinque anni dalla sua scomparsa, avvenuta nel maggio del 1988 (4 gennaio); il musicista e cantante senegalese Marius Seck (3 gennaio); i giornalisti Andrea Schiavon (29 dicembre) e Beppe Gandolfo (26 dicembre), con i loro ultimi libri, e Stefano Casamassima insieme con lo storico Gastone Saletnich (28 dicembre); il duo electro-swing The Sweet Life Society (26 dicembre); il cromoterapeuta Riccardo Bruni (3 gennaio).

Sabato 8 dicembre alle ore 21,30 è di scena Nick the Nightfly, disc jockey, cantante, chitarrista e compositore, voce storica del programma Monte Carlo Nights, show che ha lanciato su Radio Monte Carlo nei primi anni Novanta. A Nick the Nightfly va il merito di aver portato in Italia la musica alternativa e di qualità, soprattutto di stampo jazz: world music, new age, acid jazz, fusion, ambient, lounge, chillout e nujazz. Lo presenta Capitan Freedom (alias Fabio Giudice).

 

Ecco il programma completo con gli appuntamenti dal 26 dicembre al 6 gennaio (disponibile su www.casa-olimpia.it dal 30 novembre e su www.salonelibro.it):

 

Mercoledì 26 dicembre

Ore 18,30 | Presentazione editoriale 

“Un anno in Piemonte” (EnneCi Communication, 2012) | Di e con Beppe Gandolfo

È arrivato alla decima edizione “Un anno in Piemonte” di Beppe Gandolfo, che in 450 pagine raccoglie i principali fatti accaduti in regione dal novembre 2010 al novembre 2011, corredati di commenti, tabelle, cronologie e fotografie di Francesco del Bo e Alessandro Contaldo. «Un modo per non disperdere il passato, per vivere meglio questa terra e questo presente», come spiega l’autore, corrispondente Mediaset per Piemonte e Valle d’Aosta.

 

Ore 21,30 | Incontro show case

The Sweet Life Society

Primo progetto electro-swing italiano ed europeo, nato nel 2009 dai torinesi Matteo Marini e Gabriele Concas. Mescolano l’elettronica allo swing degli anni Venti-Trenta e intrecciano i suoni acustici dal respiro vintage a quelli del calypso caraibico. I loro dj set sono diventati momenti di intrattenimento ricchi di estro e originalità che fanno ballare tutta Europa. Il singolo “My sound”, brano uscito questa estate, vede la collaborazione delle Sorelle Marinetti.

 

Giovedì 27 dicembre

Ore 18,30 | Incontro

“Il cibo e il benessere” con Giorgio Calabrese

Medico nutrizionista, è consulente dietologo della Juventus. Ha collaborato e collabora con diverse trasmissioni Rai tra cui, Lineablu, Unomattina, Medicina 33, TG2 Salute e con quotidiani e riviste come La Stampa, Anna, Donna Moderna, Oggi e Grazia. È stato relatore in diversi convegni in Italia e all’estero e ha pubblicato a livello nazionale e internazionale testi su cibo e salute.

 

Ore 21,30 | Incontro show case

Alberto Bianco presenta “Storia del futuro” (Inri, 2012)

Cantautore torinese, è al suo secondo album dopo “Nostalgina”. Nei negozi da novembre per Inri, il secondo cd “Storia del futuro” propone «dieci canzoni d’amore dedicate all’onestà, urlate contro chi la parola onestà non la sa nemmeno pronunciare» e vede la collaborazione di sedici musicisti, tra cui Gionata Mirai (Il Teatro degli Orrori), Mr. T-Bone (Africa Unite, Bluebeaters) e Peter Truffa (Bluebeaters). Il singolo “La Solitudine Perché c’è?” vanta il featuring di Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione.

 

Venerdì 28 dicembre

Ore 18,30 | Incontro

“Per antiche carte”: viaggio nei misteri e nelle curiosità dell’Archivio Segreto Vaticano | Con Gastone Saletnich e Stefano Casamassima

Storico medioevale e archivista, Gastone Saletnich ha collaborato con diverse congregazioni religiose e con istituzioni quali l’Archivio Segreto Vaticano e l’Archivio di Stato di Torino, l’Università di Bergen in Norvegia, e l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani.

Giornalista, esperto di comunicazione istituzionale, Stefano Casamassima ha scritto per diversi quotidiani e riviste nazionali, tra cui Il Giornale. Ha raccontato fatti e punti di vista navigando tra sport, costume e società, per approdare poi alla politica.

 

Ore 21,30 | Incontro show case

“DisCover Station” | Di e con Max Giovara, Fabio Giudice e Stefano Giaccone

Talk show live, nato nel 2002, “DisCover Station” è condotto da Fabio Giudice (alias Capitan Freedom) e messo in scena da Max Giovara, attore, regista e musicista. Ogni puntata ha come filo conduttore un album che abbia segnato la storia della musica internazionale, un long playing che ancora fa parte del presente musicale.

Il cantautore Stefano Giaccone, musicista dai toni rock, folk e jazz, è l’ospite di questo appuntamento tra la neve: porterà al pubblico un pezzo di musica che non lo ha mai abbandonato e un pezzo di quel libro che salverebbe se accadesse una catastrofe.

 

Sabato 29 dicembre

Ore 18,30 | Presentazione editoriale

“Cinque cerchi e una stella” (Add Editore, 2012) | Di e con Andrea Schiavon

La storia del marciatore Shaul Ladany, ingegnere prestato all’atletica, che sopravvisse al campo di concentramento di Bergen-Belsen e alla strage nel Villaggio Olimpico di Monaco di Baviera durante i Giochi del 1972. Raccontata dal giornalista di Tuttosport Andrea Schiavon, la vita di Ladany attraversa il XX secolo: vive il ’68 a New York da studente della Columbia, combatte la Guerra dei Sei Giorni e quella di Yom Kippur nel 1973, quando per difendere Israele rientra dagli Stati Uniti.

 

Ore 21,30 | Incontro show case

“Pindorama” | Di e con i Biz4tet

Uscito in primavera, il secondo album dei Biz4tet “Pindorama” (Radar-Egea), ospita artisti come Gabriele Mirabassi, Riccardo Tesi, Riccardo Tarlini e Lara Vecoli.

Musica brasiliana essenziale, viscerale, che unisce tradizione e contemporaneità, elementi etnici e Jazz, distillata in riletture di Egberto Gismonti, Pixinguinha, Guinga, Paulo Bellinati e brani originali. I Biz4tet sono: Luiz Lima (chitarrista), Claudio Carboni (sassofonista), Marco Cattarossi (bassista) e Ricardo da Silva (batterista e percussionista).

 

Domenica 30 dicembre

Ore 18,30 | Reading e concerto

“Mal di Torino” (Espress edizioni, 2012) | Di e con Fabrizio Vespa e i Miriam

Le confessioni di molti malati di “torinesità diventano un reading, accompagnato musicalmente dai Miriam e messo in scena dallo stesso autore che ha raccolto le testimonianze e riunite nel libro “Mal di Torino”. Un omaggio a quel un sentimento che impedisce quasi a chiunque di lasciare completamente la città e che fa venir voglia di ritornare quando si è lontani.

Deejay e speaker radiofonico, giornalista e organizzatore di eventi, Fabrizio Vespa è uno dei più attenti osservatori di stili e tendenze metropolitane. È autore (con Marco Magnone ed Edoardo Bergamin) della guida turistica “L’altra Torino” (Espress edizioni, 2011).

Formatisi nel 2003 a Torino, I Miriam sono: Mario (voce e chitarra), Gianmaria (chitarra), Maurizio (chitarra), Emanuele (basso) e Luca (batteria). “Sete” è il loro ultimo album.

 

Mercoledì 2 gennaio

Ore 21,30 | Incontro show case

Roberto Angelini presenta “Phineas Gage” (Fiori Rari, 2012)

Ultimo album di Roberto Angelini, uscito a ottobre, “Phineas Gage” segna un nuovo capitolo per l’eclettico artista che, a tre anni di distanza da “La Vista Concessa” e diversi progetti collaterali, sceglie di sperimentare oltre le regole, avvalendosi dell’esperienza raccolta tra collaborazioni, scambi, album e live. Un suono “lunare” e al contempo caldo, immerso tra l’alchimia digitale, la voce e i sound più classici, con attenzione alle sonorità elettroniche e ambient.

Romano, classe 1975, Roberto Angelini ha collabora con artisti di fama internazionale e ha partecipato alla colonna sonora di “Romanzo Criminale 2” con la canzone “Spara, Bufalo”.

 

Giovedì 3 gennaio

Ore 18,30 | Presentazione editoriale

“Colori di luce” (Edizioni Psiche2, 2012) | Con Riccardo Bruni

Leggere l’anima attraverso la grafia e guarire con la luce: è l’obiettivo della grafologia e della cromoterapia, spiegate al lettore nel libro “Colori di luce”, scritto da Riccardo Bruni (esperto in grafologia e cromoterapia ) insieme con Sergio Sapetti. Trattamenti con la luce e i colori si avvalgono oggi di potenti ed efficaci strumentazioni che, agendo a livello cellulare, sono in grado di riequilibrare e ripristinare il benessere psicofisico.

 

Ore 21,30 | Concerto

Marius Seck | Fuoriluogo Festival

Un contenitore di musica, teatro, arti visive e letteratura che vuole ribaltare gli stereotipi, scardinare i generi, capovolgere gli orizzonti: questo è stato il FuoriLuogo Festival che a giugno ha ospitato a San Damiano d’Asti alcuni protagonisti italiani ed europei della cultura. A Casa Olimpia FuoriLuogo porta Marius Seck, compositore, chitarrista e cantante nato a Dakar nel 1976, nipote del musicista senegalese Ismaël Lô. In Italia dal 2007, suona con la The Wild Beat Orchestra, che sa unire la beat Afro con il Pop Europeo. Dopo gli esordi nei festival locali, incide come solista “Ndioukeul” (2000). Segue l’album “Yetee” (2005), omaggio spirituale alla figura femminile.

 

Venerdì 4 gennaio

Ore 18,30 | Incontro

“L’ultimo chorus: Chet Baker in Italia” | Con Luciano Viotto

Un incontro per ripercorre la vicenda umana e artistica di uno dei più straordinari musicisti del jazz moderno: Chet Baker. Con la testimonianza di Luciano Viotto, appassionato e studioso di jazz fuori dagli schemi, che scrive per la rivista Musica Jazz ed è autore di recensioni di musica e letteratura per distorsioni.net.

Un viaggio tra ricordi, ascolti e letture brevi e con l’analisi di sei scatti “non d’autore”, che documentano l’ultimo concerto di Chet Baker in Italia.

 

Ore 21,30 | Incontro show case

Marina Rei presenta “L’Errore”

Nuovo album di Marina Rei, “La conseguenza naturale dell’errore” (Perenne/Universal, 2012) segna il ritorno dell’artista romana sulla scena musicale italiana, dopo un lungo silenzio discografico. Disco ricco di collaborazioni con artisti di spicco della scena musicale indipendente e non, da Max Gazzè, Paolo Benvegnù e Riccardino Sinigallia fino a Pierpaolo Capovilla, voce del Teatro degli Orrori, e Andrea Appino, voce e chitarra della band rock pisana Zen Circus, con cui Marina Rei ha scritto il brano “L’Errore”.

Marina Rei ha dedicato questi ultimi anni allo studio della batteria, collaborando con Carmen Consoli, Paola Turci, Max Gazzè, Nada e tanti altri artisti, ricostruendo una nuova immagine di sé, più vera e più rock.

 

Sabato 5 gennaio

Ore 21,30 | Incontro

“ X Factor, una partenza o la fine di un sogno?” | Con I Moderni

Dai locali di Torino al palco di X Factor, adrenalinici e ultrapop, I Moderni si raccontano, forti del successo che il loro primo album “Troppo fuori” ha riscosso tra il pubblico dei giovani e dei tanti live in giro per l’Italia.

Al secolo Marco Musarella, Fabio Perretta, Celeste Gugliandolo e Placido Gugliandolo, I Moderni nascono nel 2007 a Torino, dove iniziano a esibirsi. Nel 2011 partecipano ai provini per la quinta edizione di X Factor con il nome Free Chords, che viene cambiato dopo le selezioni in quello attuale, su suggerimento del loro mentore Elio.

 

Tra gli artisti ospitati da Casa Olimpia nelle edizioni passate si ricordano: Stefano Bollani, Simone Cristicchi, Rita Marcotulli, Concita De Gregorio, Alain Elkann, Niccolò Fabi, Gnuquartet, Petra Magoni, Meg, Flavio Oreglio, Vittorio Sgarbi; Franco Branciaroli, Pier Cortese, Scarlatto, Mario Venuti, PFM, Esperanza Spalding, Dolcenera, L’Aura, Carlo Fava, Cesare Malfatti, ,Ferruccio Spinetti, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Ginevra di Marco, Pacifico, Syria, Patrizia Laquidara, Luca Morino, Ernesto Ferrero, Aldo Cazzullo, Alessandro Barbero, Paolo Rumiz.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: