Dalla collaborazione tra VaVeliero e Officine Creative, nasce il progetto VaVeliero-Made in Carcere: cover per MacBook Pro per offrire una seconda opportunità alle detenute del carcere di Lecce

VaVeliero, il brand milanese che veste la tecnologia con le cover più trendy, ha recentemente siglato un accordo con la Onlus Officina Creativa, per la produzione di cover Mac Book Pro 13’’ VaVeliero-Made in Carcere realizzate dalle detenute del carcere di massima sicurezza di Lecce.

Il brand Made in Carcere nasce nel 2007 grazie a Luciana Delle Donne, fondatrice della cooperativa sociale Officina Creativa e produce manufatti “diversa(mente) utili”: borse e accessori originali e colorati confezionati esclusivamente con materiali e tessuti di scarto di aziende italiane, da donne ai margini della società, alle quali viene offerto un percorso formativo con il fine di un definitivo reinserimento nella società lavorativa e civile.

L’obiettivo principale del progetto Made in Carcere è diffondere la filosofia della “seconda opportunità” per le detenute e della “doppia vita” per i tessuti. Un messaggio di speranza, di concretezza e solidarietà, ma anche di libertà e rispetto per l’ambiente, di cui VaVeliero è orgogliosa di essere partecipe.

Dalla questa collaborazione nasce MacBook Suit, il primo porta computer che protegge totalmente il portatile anche durante l’utilizzo. Munito di una pratica maniglia per il trasporto, è comodo come un jeans e protettivo come una seconda pelle e presenta anche una comoda tasca interna per riporre documenti e/o biglietti da visita. Le maxicerniere fluo sono in coordinato con gli elastici all’interno; le fodere inoltre sono realizzate con scarti di produzione di camicie.

 

Prosegue quindi l’impegno sociale dell’azienda, guidata da Adalberto Grossi, Michele Bressi e Guido Falck, iniziato con la cover dedicata a Steve Jobs “Stay hungry, stay foolish” a sostegno della Fondazione Veronesi.

Prezzo al pubblico:

Mac Book Suit – € 49,99

 

www.vaveliero.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: