Le eccellenze agroalimentari italiane conquistano i buyer irlandesi grazie alla FIBI

A Dublino un’intera giornata dedicata allo sviluppo di accordi commerciali per esportare il Made in Italy in Irlanda.

Successo per il food & beverage italiano al B2B organizzato dalla FIBI il 25 ottobre a Dublino: l’evento ha confermato l’amore degli irlandesi per l’Italia e i suoi prodotti agroalimentari.

La formula vincente è quella del B2B: incontri diretti tra rappresentanti di aziende italiane e buyer irlandesi che hanno così l’opportunità di conoscere l’azienda, di testare i prodotti, di apprezzarne la qualità e avviare da subito i primi accordi commerciali per portare i prodotti italiani sulle tavole degli irlandesi.

L’evento ha visto la partecipazione di 15 aziende agroalimentari da varie regioni d’Italia – Sardegna, Emilia Romagna, Campania, Lazio, Piemonte, Molise, Puglia, Liguria –  ognuna con prodotti unici rappresentativi della tradizione e cultura regionale e oltre 60 buyer tra importatori specializzati, distributori, titolari di negozi off-licence, ristoratori, catene di supermercati.

Ecco le aziende partecipanti: La Gallinara, Italian Foods & Goods, Orto Ciccio, Pastificio La Fenice, Frozen Cube, Cooperativa ABC, Pignatelli, Sabetta Tartufi, L’Acropoli di Puglia, Fosso degli Angeli, Cascina Pastori, Vivere Italiano, Terre Sacre.

 

I prodotti più apprezzati dagli irlandesi sono stati la pasta, il vino, l’olio extravergine d’oliva, i tartufi, gli ortaggi sott’olio, i dolci e la mozzarella di bufala campana.

 

La FIBI (Federation of Italian Business in Ireland) è una struttura di collegamento tra l’Italia e l’Irlanda  che raggruppa nel suo network, tra gli altri,  operatori del settore enogastronomico con lo scopo di favorire gli sbocchi commerciali delle imprese produttrici italiane ed assisterle nel processo di introduzione sul mercato irlandese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: