FEDELTÀ DEL SUONO #283 – LUGLIO 2019 – IL GENIO È NONCONFORMISMO

Pubblicità


Il genio è nonconformismo

 

 

“Montana”

 

[Verse 1]

I might be movin’ to Montana soon

Just to raise me up a crop of dental floss

Raisin’ it up

Waxin’ it down

In a little white box

That I can sell uptown

By myself I wouldn’t have no boss

Pubblicità


But I’d be raisin’ my lonely dental floss

Raisin’ my lonely dental floss

 

[Verse 2]

Well I just might grow me some bees

But I’d leave the sweet stuff to somebody else

But then on the other hand I would

Keep the wax

‘N melt it down

Pluck some floss

‘N swish it aroun’

I’d have me a crop

An’ it’d be on top

That’s why I’m movin’ to Montana

 

[Refrain]

Movin’ to Montana soon

Gonna be a dental floss tycoon, yes I am

Movin’ to Montana soon

Gonna be a mennil-toss flykune

 

[Guitar Solo]

 

[Bridge]

I’m pluckin’ the ol’ dennil floss

That’s growin’ on the prairie

Pluckin’ the floss!

I plucked all day an’ all nite an’ all afternoon

I’m ridin’ a small tiny hoss

His name is Mighty Little

He’s a good hoss

Even though

He’s a bit dinky to strap a big saddle or

Blanket on anyway

He’s a bit dinky to strap a big saddle or

Blanket on anyway

Anyway

I’m pluckin’ the ol’

Dennil floss

Even if you think it is a little silly, folks

I don’t care if you think it’s silly, folks

I don’t care if you think it’s silly, folks

 

[Verse 3]

I’m gonna find me a horse just about this big

An’ ride him all along the border line

With a pair of heavy-duty

Zircon-encrusted tweezers in my hand

Every other wrangler would say

I was mighty grand

By myself I wouldn’t have no boss

But I’d be raisin’ my lonely dental floss

Raisin’ my lonely dental floss

Raisin’ my lonely dental floss

 

[Verse 4]

Well I might ride along the border

With my tweezers gleamin’ in the moon-lighty night

And then I’d get a cuppa cawfee

‘N give my foot a push

Just me ‘n the pygmy pony

Over by the dental floss bush

‘N then I might just

Jump back on

An’ ride like a cowboy

Into the dawn to Montana

 

[Outro]

Movin’ to Montana soon

(Yippy-Ty-O-Ty-Ay)

(…)

 

Album: Over-Nite Sensation

Artista: Frank Zappa

Data di uscita: 1973

 

 

Vi devo confessare che la scelta del brano che accompagna il mio editoriale di questo mese non è stata facile.

Vuoi perché Zappa non è un musicista “facile”, vuoi perché i suoi testi, spesso e volentieri, “non sono facili”, vuoi anche perché molti dei brani contenuti in questo STREPITOSO cofanetto sono strumentali…

Alla fine la scelta è caduta su questo brano che ha un testo demenziale (senza scendere nella trivialità pur se in inglese!) ma che contiene al suo interno un assolo di chitarra che da solo varrebbe l’acquisto della nuova ristampa zappiana!

Per chi ama Zappa potrei chiudere qui dicendo “Poo Poo ta ta na” sapendo di essere perfettamente compreso ma vi invito ad ascoltare il brano e a scrivermi, poi, le vostre impressioni!

 

Frank Zappa era un “GENIO” oltre a essere un chitarrista IMPAREGGIABILE, ma soprattutto era una persona che amava circondarsi di musicisti eccezionali, senza avere timore di essere messo in ombra.

 

Chi ha la consapevolezza di se stesso e del proprio valore, non teme nessuno e proprio per questo può permettersi il lusso di circondarsi di autentici fuoriclasse anche, e soprattutto, migliori di lui.

A tal proposito mi verrebbe facile parlare di politica… ma non lo farò, visto che non voglio riaprire vecchie e sterili discussioni circa il mio uso di questo spazio che, en passant, non solo mi appartiene di diritto, visto che ne sono il direttore, regolarmente iscritto all’albo (cosa sembrerebbe rara nel nostro settore…) e anche l’editore…

 

Ma come detto non parlerò di politica, perché vorrei dedicare questo mio editoriale al “GENIO”.

 

Al “GENIO” di Frank Zappa ma anche a quello di due grandi italiani.

Due fiorentini e quindi due italiani che più italiani non si può.

Due italiani che hanno pagato pegno in vita per via del loro nonconformismo e della loro libertà di pensiero e che continuano a pagare pegno ancora oggi da morti.

 

Uno è, purtroppo, venuto a mancare da poco, Franco Zeffirelli, l’altra oggi (N.d.R. 29 giugno 2019) avrebbe compiuto novanta anni, Oriana Fallaci.

 

Di Franco Zeffirelli è stato detto molto in questi giorni ma non tanto come avrebbe meritato.

Della sua Arte e della sua Maestria non starò qui a discutere, visto che è evidente a tutti, soprattutto a coloro che l’hanno negata da vivo.

Credente, anticomunista e omosessuale e per il combinato disposto di queste tre categorie in Italia fu sempre osteggiato. Pagò a caro prezzo la storia, della quale non si poteva parlare, con Luchino Visconti… una liaison che doveva essere messa a tacere per via della militanza politica di Visconti, apertamente comunista, quando, negli anni cinquanta in Italia, il PCI non voleva che si parlasse di omosessualità e di tradimenti all’interno delle proprie fila (come non ricordare la storia d’amore extra-coniugale, e per ciò stessa negata, tra lo sposato Palmiro Togliatti e la deputata Nilde Iotti, di trent’anni più giovane…).

Ancora adesso, a pochi giorni dalla sua morte, di lui e del suo amore per l’Opera, poco si è detto e scritto, come se la “damnatio memoriae” fosse ancora oggi in vigore e valida da parte di quella “intellighenzia” che ha, di fatto, condizionato la cultura italiana dal dopoguerra ad oggi.

Franco Zeffirelli era una persona colta, intelligente e sagace e mi piace ricordarlo con due frasi che, secondo me, bene lo descrivono.

La prima si riferiva al suo privato: “Il movimento gay mi ha sempre fatto schifo. L’omosessuale non è uno che sculetta e si trucca. È la Grecia, è Roma. È una virilità creativa.” mentre la seconda si riferiva alla sua professione: “Ho sempre pensato che l’opera sia un pianeta dove le muse lavorano assieme, battono le mani e celebrano tutte le arti.

Sono sicuro che il suo “GENIO” e il suo amore per l’Opera sarà ricordato da molti tra di voi… così come, sono certo, molti avranno amato e odiato, sia in vita che dopo la sua morte, Oriana Fallaci, la co-protagonista di questo mio editoriale scritto in questo caldo pomeriggio estivo.

 

Anche la Fallaci è stata osteggiata per le sue posizioni contrarie al pensiero comune e dominante nella cultura italiana e occidentale in genere. Di lei tanto si è detto e tanto si è scritto, a torto o a ragione, ma non si può negare che, come spesso accade ai “GENI”, riusciva a individuare e anticipare situazioni che nessun altro riusciva a vedere (parafrasando Schopenhauer).

Anche lei ha pagato duramente le sue posizioni e oggi nessuno l’ha ricordata, forse perché tutti presi dal “beau geste” della capitana tedesca che, forzando un blocco navale e speronando una vedetta della Guardia di Finanza, è attraccata oggi a Lampedusa e ivi tratta in arresto.

Eppure Oriana Fallaci ci ha lasciato molto e vorrei oggi condividere con voi due suoi pensieri.

Il primo lo vorrei dedicare a tutti voi lettori e in particolare ad Alessandro Merlino che mi ha scritto una lettera piena di complimenti: “Ogni persona libera, ogni giornalista libero, deve essere pronto a riconoscere la verità ovunque essa sia. E se non lo fa è, (nell’ordine): un imbecille, un disonesto, un fanatico. Il fanatismo è il primo nemico della libertà di pensiero. E a questo credo io mi piegherò sempre, per questo credo io pagherò sempre: ignorando orgogliosamente chi non capisce o chi, per i suoi interessi e le sue ideologie, finge di non capire”.

L’altra frase di Oriana la vorrei dedicare ai miei figli, che, sono sicuro, non la leggeranno ma che, spero, un giorno, la faranno propria: “L’Italia che vorrei è un’Italia che si oppone alle Italie in cui non mi riconosco: un’Italia ideale. Un’Italia coraggiosa, dignitosa, seria, un’Italia che non si consegna al nemico. Che non si lascia intimidire da chi spalanca le porte al nemico, che non si lascia ricattare o rincretinire dalle bestialità dei Politically Correct. Che va fiera della sua identità, che saluta la bandiera verde, bianca e rossa mettendo la mano sul cuore e non sul sedere”.

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a:

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

 

 

——————————————–

 

 

EDITORIALE

Il genio è nonconformismo

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

“Zappa in New York”

non si possiede mai completamente.

Semplicemente, si custodisce.

E si tramanda.

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

di Andrea Bassanelli

 

REPORTAGE MUNICH HIGH END 2019

Caro amico ti scrivo (un anno e un mese dopo)

di Dimitri Santini e Gabriele Brilli

 

Considerazioni on the road #02

di Gabriele Brilli

 

Monaco High End 2019 – Sale Top

MBL

di Dimitri Santini e Gabriele Brilli

 

Monaco High End 2019 – Sale Top

Spectral Audio e Wilson Audio

di Dimitri Santini e Gabriele Brilli

 

Monaco High End 2019 – Sale Top

Kroma

di Dimitri Santini e Gabriele Brilli

 

Monaco High End 2019 – Sale Top

Lyravox

di Dimitri Santini e Gabriele Brilli

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

Amplificatore integrato

Arcam SA10

Ogni storia ha il suo inizio…

di Gabriele Brilli

 

Sistema All-In-One

Como Audio Amico + Amica

Da Tivoli a Como (da Villa d’Este a casa Clooney?)

di Dimitri Santini

 

Convertitore digitale analogico

Audio-GD R7HE

Handle with careful???

di Dimitri Santini

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END MAGAZINE®

Diffusori da pavimento

Klipsch Forte III

Un’esperienza a prova di psicoacustica

di Paolo Lippe

 

Music streamer

McIntosh MS500

Attenzione: CREA DIPENDENZA!

di Gabriele Brilli

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

NOTIZIE DAL MONDO DELLA MUSICA a cura di Giada Ventura

DISCO DEL MESE di Mauro Bragagna

JAZZ DISCHI di Francesco Peluso

ROCK E I SUOI FRATELLI AUDIOFILI di Mauro Bragagna

APPUNTAMENTI D’ASCOLTO a cura di Giada Ventura

DEUS EX AUDIO a cura di Paolo Lippe

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

Pubblicità


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.