FEDELTÀ DEL SUONO N° 261 – SETTEMBRE 2017

E LA GIOSTRA GIRA… 

Georgia on My Mind

 

Georgia, Georgia

The whole day through

Just an old sweet song

Keeps Georgia on my mind

I said a Georgia, Georgia

A song of you

Comes as sweet and clear

As moonlight through the pines

Other arms reach out to me

Other eyes smile tenderly

Still in peaceful dreams I see

The road leads back to you

I said now, Georgia, Georgia

No peace I find

It’s just an old sweet song

Keeps Georgia on my mind

Other arms reach out to me

Other eyes smile tenderly

Still in peaceful dreams I see

The road leads back to you

I said Georgia, Georgia

No peace, I find

It’s just an old, sweet song

Keeps Georgia on my mind

Ooo yeah, ooo yeah, ooo yeah

 

Compositori: Hoagy Carmichael / Stuart Gorell

 

 

Non sempre una canzone o una musica sono collegati ad un pensiero, ad una riflessione.

Ma la musica, e le canzoni in particolare, hanno uno speciale modo di evocare invece pensieri, sensazioni, emozioni che sono dentro ognuno di noi.

 

Mentre, dopo la parentesi berlinese dell’IFA, mi accingo alla chiusura delle riviste, avevo nelle orecchie questa stupenda melodia, Georgia on my mind, e il pensiero corre necessariamente alle numerose interpretazioni, una fra tutte quella di Ray Charles…struggente!

 

Io invece stavo ascoltando un altrettanto bella interpretazione country di Willie Nelson mentre terminavo di leggere l’ultimo articolo (della serie, non vi preoccupate!) a firma di Roberto Pezzanera e pensavo che faccio decisamente un bel mestiere!

 

Ho a che fare con la musica, con le persone, con i sogni delle persone e con le emozioni che la musica ci trasmette. Leggevo Roberto e pensavo che non solo lui ha ragione quando afferma che qualche “misurone” rimarrà male leggendo i suo scritti ma che, in fin dei conti, che senso ha voler a tutti i costi misurare tutto?

 

Si può misurare la bellezza di una donna?

Si può misurare l’emozione che proviamo di fronte a un quadro o l’emozione che provai la prima volta che entrai alla Gare d’Orsay nel camminare accanto a tanti capolavori?

Si può misurare l’affetto che diamo e che riceviamo?

Si può misurare la vastità di un cielo stellato e la sensazione che esso ci provoca?

 

No… però abbiamo la presunzione di poter misurare l’altezza di una scena sonora e di capire quanto fosse alto il cantante, o dove fosse situato il sassofonista, come se poi non sapessimo come e dove vengono registrati la gran parte dei dischi!

 

Abbiamo la certezza di essere in grado di stabilire il timbro di un amplificatore e di ricordarcelo anche dopo anni che lo abbiamo sentito…di sfuggita, in una stanza che non conoscevamo, con un sistema a monte e a valle del quale nulla sappiamo!

 

Però noi abbiamo questa convinzione…si, siamo convinti che tutto sia misurabile e che se non è misurabile allora vuol dire che ci stiamo sbagliando!

Non ci fidiamo più dei nostri sensi, delle nostre orecchie e dobbiamo per forza sorreggerci all’asta del microfono (da misura, ovviamente!) per decidere se ci piace oppure no…

 

E poi siamo qui ad interrogarci sul perché il Top Audio non c’è più, sulle cause che hanno portato decine di migliaia di appassionati a fuggire da questo mercato e sulle soluzioni che possiamo mettere in campo per invertire la rotta…

 

Io ne avrei una!

Cominciamo ad ascoltare la MUSICA e NON L’IMPIANTO!

Smettiamola di avere la puzza sotto al naso e di pensare che non è vera hi-fi se non costa necessariamente come una Mercedes NUOVA di concessionaria!

 

E, pensa, scopriremo che si può ascoltare buona musica anche spendendo poco…decrescita felice!

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a

 

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

 


 

EDITORIALE

E la giostra gira…

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

Come pioveva…

Prince

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

News dalle aziende e IFA 2017

a cura di Giada Ventura

 

L’ascolto critico

Valutare un impianto audio:

La timbrica

di Roberto Pezzanera

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

Diffusori bookshelf

Indiana Line DIVA 252 e DIVA 262

3×2=BEST BUY

di Dimitri Santini

 

Pre e amplificatore cuffie

Metaxas Marquis

“Memento mori”

di Marco Bicelli

 

Amplificatore per cuffie

ModenAudio LYMPHA IT-HA-1

Se il buongiorno si vede dal mattino…

di Paolo Dameno

 

Sistema Hi-Fi

Advance Acoustic Smart Series

L’unione fa l’HI-FI

di Marco Bicelli

 

Amplificatore integrato e Music Server

Technics SU-G30 & ST-G30

Il ritorno in “Grand Class” di Technics

di Marco Bicelli

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END MAGAZINE®

Amplificatore integrato

McIntosh MA 5200

L’anti-entry level

di Paolo Lippe

 

Subwoofer

JL AUDIO E-Sub e-112 Gloss

Botte piccola, basso buono… anzi ottimo!

di Alberto Guerrini

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

NOTIZIE DAL MONDO DELLA MUSICA a cura di Giada Ventura

DISCO DEL MESE di Mauro Bragagna

ROCK E I SUOI FRATELLI AUDIOFILI di Mauro Bragagna

APPUNTAMENTI D’ASCOLTO a cura di Giada Ventura

JAZZ DISCHI di Francesco Peluso

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: